La nuova Honda CR-V debutterà in Italia il 18 aprile 2015 con un prezzo di partenza di circa 27.000 euro per il diesel e 21.000 euro per la versione a benzina.
Anche se non ha riscontrato grande successo per via delle sue dimensioni forse un po’ troppo generose, L’Honda CR-V è stato il suv più venduto al mondo nel 2013 e nel 2014, vediamo cosa ci riserva per il 2015.
L’estetica è completamente rivisitata: 4,61 metri di lunghezza, 2 metri di larghezza e un passo di 2,63 metri. I fari, il paraurti, la griglia e i cerchi hanno un nuovo stile, c’è una scelta tra 9 varianti cromatiche.

Su strada l’auto si rivela comoda e spaziosa, con un incremento dell’insonorizzazione del 6% grazie alle guarnizioni e le sigillature rinforzate. L’abitacolo offre tutti i comfort necessari per potersi muovere con facilità, come i “cuscinetti” all’altezza del ginocchio destro per il guidatore e sinistro per il passeggero anteriore, anche i sedili posteriori offrono un agio più che sufficiente ai passeggeri e l’ampio portabagagli con i sedili posteriori abbattuti raggiunge la capienza di 1669 litri).

Lo schermo touch da 7 pollici (compatibile sia con sistema operativo Android che Apple, con possibilità di connessione in tethering tramite smartphone) è forse situato un po’ troppo in basso rispetto al guidatore, ma la guida mantiene uno stile ergonomico.

2015-cr-v-suv-front-room

Dotata di un nuovissimo motore Euro6 con ben 65 kg di peso in meno rispetto ai modelli precedenti: turbodiesel a 2 livelli e quattro cilindri i-DTEC: 1.6 litri, 160 cavalli, 350 Nm di coppia e cambio ZF a 9 rapporti. Più performante rispetto a prima, scatto 0 a 100 in 9.4 secondi e consumo di 4,9 litri per 100 km nel ciclo combinato.

La visibilità è molto buona, così come la stabilità. Con il cambio manuale l’auto risponde con un’ottima agilità, mentre con l’automatico è lineare, talmente morbido da non farsi notare.
Il sistema di sicurezza brevettato da Honda Sensing, ovviamente opzionale, ma degno di nota. Con l’i-ACC, il cruise control adattivo intelligente, che grazie alla telecamera e al radar anteriore riesce a prevedere e a reagire prontamente al comportamento degli altri veicoli, inclusi i repentini cambi di corsia, con un anticipo di ben cinque secondi.
Altri optional interessanti sono il navigatore Garmin, il software di lettura dei segnali stradali, i programmi di avviso di collisione, allontanamento della corsia, supporto degli abbaglianti e il traffico in avvicinamento all’auto.
Tutti questi gioielli della tecnologia sono di serie solo nella versione Executive, la top di gamma della Honda.
In sintesi lo stile di guida è piacevole, non certo sportivo, ma anche con il cambio automatico ha un certo sprint, che pecca un po’ di ripresa quando si raggiunge una velocità già elevata.


2015-Honda-CR-V-1200