Per il Salone dell’auto di Nuova Delhi 2014, il reparto new project indiano di GM ha avuto la possibilità di presentare la sua nuova concept Chevrolet ADRA.
Si tratta di un SUV tutt’altro che scontato, innovativo si, ma con l’appeal che distingue le attuali tendenze. Adra si presenta in grande stile, facendo sfoggio di linee morbide distribuite su una livrea che sa tanto di “new-british”, nonostante il suo layout sia ripreso di sana pianta dalla Opel mokka.
Un mix stilistico e tecnico che conferisce al mezzo in esame, forti caratteristiche da crossover ed eleganti sfumature urbane.
L’innovativa colorazione a doppia tinta adottata in questo tipo di veicolo, snellisce il profilo e si sposa bene con le modanature che tagliano le fiancate e inglobano le maniglie delle portiere, così da farle assumere un aspetto tutt’altro che innocuo. Gli inserti in plastica sui parafanghi e le portiere, tipiche di questo segmento, assumono un nuovo significato grazie ai doppi profili della carrozzeria. E’ interessante notare come il veicolo da fermo, lasci intravedere uno studio aerodinamico, forse destinato a ben altre cilindrate. Ogni presa d’aria, ogni inserto, persino i faretti fendinebbia, gli specchietti retrovisori e i paraurti, riassumono fluidità e precisione. Non da meno i cerchi bicolore che grazie al mozzo in tinta nera opaca, lasciano in evidenza i soli raggi cromati: il risultato è un piacevole gioco dinamico. Da notare i corpi ottici, ideali per una “muscle-car”, ma che ben si collocano nel frontale deciso e “bi-areato”. Infatti, grazie alla doppia calandra al motore viene garantita ampia areazione e per la gioia di tutti gli indiani, altrettanta meditazione all’interno di un cockpit del tutto rivoluzionario. Gli interni sembrano letteralmente ispirati dai film di fantascienza, dove le Chevy sono da sempre protagoniste (non da meno la colorazione ndr). Il computer di bordo regna sovrano al centro della plancia comandi, il cruscotto futuristico, dedicato al conducente, garantisce informazioni chiare grazie agli onnipresenti led, perfettamente visibili nell’arco di uno sterzo dall’impronta sportiva, con la classica base piatta e i comandi incorporati. Particolare risalto merita la leva del cambio, inquadrata in un accattivante quanto tecnico alloggio posto alla base della plancia che ospita ulteriori controlli ottici e climatici. L’assetto rialzato ma non troppo, consente piacevoli gite fuori porta e nel contempo, garantisce spostamenti rapidi nella city. Per offrire la massima versatilità, GM ha al vaglio due sole motorizzazioni, un 1.3 turbo diesel a geometria fissa da 77 Cv e un 1.2 a benzina. Entrambi i motori, garantiranno un ottimo rapporto peso – potenza viste anche le ridotte dimensioni dell’Adra, guida fluida e consumi ridotti, ma sempre pronta ad affrontare le insidie delle strade di tutti i giorni.
Stefan Jacoby, capo della General Motors Operazioni Internazionali, ha dichiarato che l’Adra Concept, rappresenta un impegno per accrescere la presenza di GM in India.

img_226439827330108.jpeg