Caricamento video in corso…


La BMW Serie 2 Active Tourer rappresenta una grande innovazione nel parco auto della casa bavarese: è la prima BMW ad avere il numero 2 ad indicare la serie (a parte la storica BMW Serie 02, che anticipò la leggenda della Serie 3), è la prima monovolume compatta nella storia della casa ed è anche la prima auto BMW a trazione anteriore; non male come scommessa, ma conoscendo la storia dell’azienda tedesca, il successo di questo nuovo modello sembra essere assicurato. La Serie 2, annunciata nei giorni scorsi, verrà presentata ufficialmente al salone di Ginevra in programma agli inizi di Marzo, e verrà venduta a partire dall’estate 2014; la nuova idea tedesca si andrà ad inserire in una fascia di mercato già occupata da modelli di altre marche (su tutti spiccano la Ford C-Max, la Mercedes Classe B e la Volkswagen Touran), e verrà venduta a partire da un prezzo base di 27.000 euro, perfettamente negli standard di questo segmento di mercato. Lo stile ricalca pienamente la linea degli ultimi modelli BMW, andando però ad adattarsi alle forme di una monovolume, forme mai calcate prima dai designer della casa: l’auto che ne esce fuori, però, soddisfa pienamente gli occhi, riuscendo a dare la netta impressione di guardare una BMW e di guardare una monovolume che abbia tutta un’altra classe rispetto alle altre auto che occupano questo segmento di mercato. Per quanto riguarda i dati già annunciati dalla casa bavarese, possiamo annunciare che la Active Tourer avrà una lunghezza di 434 cm, un’altezza di 155 cm e una larghezza di 180 cm (con un passo di 267 cm, ottimo per addentrarsi nel traffico cittadino); essendo una monovolume, si è data parecchia importanza al comfort e agli spazi interni, oltre che al volume del bagagliaio posteriore (che avrà 468 litri di capacità, che diventano ben 1510 andando ad abbattere i sediolini posteriori). Le motorizzazioni iniziali di questa Serie 2 saranno 3, a benzina e a diesel, con motori a 3 o 4 cilindri; saranno tutte omologate Euro, e rese molto ecologiche dall’introduzione (di serie) del pacchetto Efficient Dynamics, che riduce le emissioni nocive. Andiamo a presentare più nel dettaglio le tre motorizzazioni previste: la prima sarà la 218i, dotata di un motore di 1500 cc di cilindrata a tre cilindri (inedito per la casa), in grado di erogare una potenza di 136 cavalli (già montato sulla nuova generazione di Mini); la velocità massima raggiunta da questa versione sarà di 200 Km/h, con uno scatto da 0 a 100 Km/h in 9,3 secondi. La seconda versione sarà la 225i, che avrà un motore di 2000 cc a 4 cilindri turbo, per una potenza di ben 231 cv e prestazioni sicuramente interessanti (velocità massima 235 Km/h e accelerazione da 0 a 100 in 6,8 secondi). Le due motorizzazioni presentate fino ad ora saranno a benzina, mentre l’ultima, la 218d, sarà a diesel; avrà un motore di 2000 di cilindrata da 150 cv, per una velocità massima di 205 Km/h è uno scatto 0-100 in 8,9 s; la 218i e la 218d avranno di serie un cambio manuale a sei marce, mentre la 225i ne avrà uno automatico a ben 8 marce (richiedibile come accessorio sulle altre due). Gli allestimenti iniziali previsti sulle 3 versioni della Active Tourer saranno 3: oltre ai classici allestimenti BMW, Sport e Luxury, sarà previsto il pacchetto M Sport, che prevederà l’assetto ribassato, delle modifiche aerodinamiche, cerchi in lega da 18”, sedili e volante sportivo, in grado di trasformare la Serie 2 in una “monovolume da pista”.

img_241335234464300.jpeg